Un lavoro integrato per la ‘terza età’

Un lavoro integrato per la ‘terza età’

Difficile definire il concetto di ‘terza età’, perché la fascia d’età che va dai sessant’anni in su è una fase della vita in cui la condizione fisica, psichica e sociale può essere estremamente diversa da individuo a individuo.

Cosa significa mettere in atto un lavoro integrato per la terza? Significa prendere in considerazione la complessità di queste persone. Gli anziani vivono una fase della vita in cui si sentono fragili:
– dal punto di vista fisico (dolori legati ai processi di artrosi e osteoporosi, ipertensione, diabete, uso di molti farmaci…)
– dal punto di vista psichico/emotivo (progredire dell’età, pensionamento e perdita di ruoli significativi, allontanamento da una determinata sfera sociale, paura della malattia, dell’abbandono, della solitudine…)

D’altro canto la storia personale, lo stato di salute, la realtà familiare e il contesto sociale in cui vive l’anziano possono incidere profondamente. Possono esserci persone che a settant’anni sono attive, piene di interessi e ancora possono rappresentare un punto di riferimento nella famiglia come per esempio nell’accudimento dei nipotini. Ci sono altre persone che alla stessa età sono apatiche, si ‘sentono’ vecchie e manca loro lo stimolo per interessarsi ancora alla vita e pur non avendo patologie significative si lasciano progressivamente andare. C’è poi chi è colpito da una delle malattie tipiche di quest’età, demenze senili come l’Alzheimer o il Parkinson.

Cosa possono fare lo Shiatsu e la ginnastica dolce?

Il trattamento Shiatsu rappresenta un aiuto e un sostegno in tutti i casi. È una tecnica manuale che può essere estremamente dolce senza perdere la sua efficacia, aiuta la persona a sentirsi più sciolta, più reattiva, a contattare le sue risorse profonde e a ritrovare l’energia vitale dentro di sé. Mentre con la ginnastica dolce stimolo anche la parte cognitiva, di propriocezione e di equilibrio statico e dinamico.

Nel mio intervento integrato di trattamento Shiatsu e ginnastica dolce realizzo con loro un progetto di lavoro articolato:

  • iniziando con il contatto dolce e profondo dello Shiatsu attivo le energie e le risorse profonde della persona;
  • con esercizi fisici semplici, calibrati sulla persona e sulle sue condizioni legate strettamente al momento presente si attiva la circolazione sanguigna, il battito cardiaco, e si tonifica la muscolatura;
  • in questo modo inoltre si alternano momenti di ricettività a momenti di attività;
  • il trattamento Shiatsu crea una base di fluidità, di elasticità, di mobilità, di nuova energia; con la ginnastica dolce la persona sperimenta concretamente che alcuni movimenti che prima non riusciva a fare ora sono possibili.

Photo by Cristian Newman on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *